Accedi

Iscriviti

Dopo aver creato un account, sarai in grado di monitorare lo stato del tuo pagamento, monitorare la conferma e protrai anche recensire il viaggio dopo averlo terminato.
Nome utente*
Password*
Conferma password*
Nome*
Cognome*
E-mail*
Telefono*
* Creare un account significa che sei d'accordo con i nostri Termini di servizio e la nostra Privacy Policy.
Accettare tutti i termini e le condizioni prima di procedere al passaggio successivo

Già iscritto?

Accedi

Accedi

Iscriviti

Dopo aver creato un account, sarai in grado di monitorare lo stato del tuo pagamento, monitorare la conferma e protrai anche recensire il viaggio dopo averlo terminato.
Nome utente*
Password*
Conferma password*
Nome*
Cognome*
E-mail*
Telefono*
* Creare un account significa che sei d'accordo con i nostri Termini di servizio e la nostra Privacy Policy.
Accettare tutti i termini e le condizioni prima di procedere al passaggio successivo

Già iscritto?

Accedi

Respira l’alta quota: al Lago di Resia con la moderna ferrovia della Val Venosta e Glorenza

0
Prezzo a persona
Da70€
Prezzo a persona
Da70€
Il viaggio non è ancora disponibile.

Prenota

Salva per dopo

L'aggiunta di un articolo alla lista dei desideri richiede un account

22

Hai bisogno di informazioni o di aiuto?

Scrivici via mail a [email protected] o via whatsapp al numero 334 9719191

TOUR DI GIORNATA
Lago di Resia
Dettagli del Viaggio

In Val Venosta, nel lago di Resia, davanti alla maestose montagne della Vallelunga c’è un campanile che emerge dall’acqua rendendo il luogo fiabesco e affascinante.
La storia legata a questa immagine da cartolina, purtroppo, è meno idialliaca. Il lago di Resia è il più grande dell’Alto Adige nel comune di Curon e il campanile sommerso rimanda a un triste ricordo. Qui un tempo, infatti, si trovavano tre laghi naturali. Oltre quello di Resia c’erano il Curon e il San Valentino alla Muta. Nel 1950, essi vennero unificati con la costruzione di una diga. L’opera provocò la completa sommersione dell’antico centro abitato di Curon, che venne trasferito altrove.
La leggenda vuole che, nelle rigide notti invernali, qualcuno senta ancora le sue campane suonare.

Posto da favola in ogni stagione, ancora di più con le montagne innevate a fare da cornice.

TOUR DI GIORNATA

Orario di partenza

orario saranno comunicati tramite messaggio whatsapp dal numero 3349719191 alcuni giorni prima della partenza 

Il prezzo comprende

  • Viaggio in bus
  • Biglietto treno
  • assicurazione medica Allianz Global Assistance
  • Accompagnatore

Il prezzo non comprende

  • Pranzi e bevande
  • Extra, e quanto di natura personale non espressamente indicato o definito facoltativo
Altri dettagli di Prenotazione

PER QUALSIASI RICHIESTA O INFORMAZIONE SCRIVICI VIA WHATSAPP AL 334 9719191 o scrivi una email a [email protected]

Per diritto al recesso o altre informazioni sul nostro tour operator guarda il seguente link (https://conmigoadventure.it/domande-frequenti/)

Itinerario

Ogni giornata viene pianificata con cura per offrirvi la migliore esperienza possibile. Dall’esplorazione di luoghi storici alla degustazione della deliziosa cucina locale, ogni giorno è ricco di avventure ed emozioni.

Giorno 1Partenza e viaggio verso il lago di Resia

Ritrovo dei Signori partecipanti in luogo e orario da definirsi (città/caselli menzionate sotto), sistemazione in Pullman GT riservato e partenza via autostrada per  Tel, dove da li saliremo nel Treno che ci porterà dopo circa 1h a Malles in Val Venosta. La Ferrovia della Val Venosta è una delle ferrovie regionali più moderne d’Europa. Grazie alle grandi finestre panoramiche offre una fantastica vista sul paesaggio naturale e culturale dell’Alto Adige. Attraversa la valle comodamente da Merano a Malles, passando per il castello di Castelbello, i blocchi di marmo di Lasa e la mistica Collina di Tarces vicino a Malles. Il percorso della ferrovia della Val Venosta si snoda attraverso la bellezza della valle su una lunghezza di quasi 60 chilometri e con un dislivello di 700 metri. Osserveremo bellezze paesaggistiche e storiche come il castello di CastelbelloCastel JuvalCastel Coira, i luminosi blocchi di marmo bianco di Lasa e le imponenti montagne del massiccio dell’Ortles. Dopo l’arrivo a Malles, riprenderemo il nostro bus che ci accompagnerà per una breve visita a  Glorenza: cittadina affascinante e di grande richiamo turistico: la città storica di Glorenza, a Sud della mitica Collina di Tarces, è, con i suoi 900 abitanti, una delle più piccole città al mondo. Citato per la prima volta nel 1034, questo gioiello dell’Alta Val Venosta, oltre al centro storico medievale, vanta l’unica struttura fortificata completamente pervenuta delle Alpi, risalente al XVI secolo, con mura di cinta e tre pittoresche torri delle porte.

L’antico centro storico di Glorenza, con i porticati e le imponenti case padronali, testimonia delle antiche ricchezze della città, ubicata sulla Via Claudia Augusta e importante punto di incontro per il commercio del sale. Ancora oggi a Glorenza ci sono tracce di insediamenti risalenti all’epoca romana. Nella Torre di Tubre, un’esposizione permanente commemora il più famoso abitante di questa città, l’artista e disegnatore Paul Flora, scomparso nel 2009.

tempo libero per il pranzo, consigliatissimo al sacco!

Partenza per per il Lago di Resia, che è un bacino artificiale, costruito a partire dagli Anni ’30 del novecento per produrre energia idroelettrica, sfruttando due piccoli laghi già presenti, il Lago di Curon e, appunto, il Lago di Resia tramite una diga. I lavori terminarono nel 1950 e, oltre a unire i due laghi, provocarono la totale inondazione dell’antico paese di Curon. Ancora oggi la peculiarità di questo lago è il campanile dell’antica chiesa di Curon, datata intorno alla seconda metà del 1300, che sounta dal fondo del lago, ricordando a tutti la presenza del piccolo paese sommerso. Sulle sponde oggi si trova il nuovo centro abitato, che ha mantenuto il nome di quello antico.
Tempo libero per passeggiare vicino al campanile e alle sue sponde. 

Ad orario concordato, ritrovo al pullman e partenza per il viaggio di rientro.

Mappa